giovedì , Agosto 6 2020

Play Store, 25 applicazioni rimosse: furto credenziali Facebook

Nella lotta contro i bontemponi informatici, per usare un eufemismo, Google segna un altro punto a suo favore. Dal Play Store, infatti, sono state ritirate altre 25 applicazioni, rimosse per furto delle credenziali di accesso a Facebook. Chi lo ha scoperto, in questo caso, è Evina, diramando la lista di applicazioni che trovare qui sotto. Purtroppo, prima della rimozione, le applicazioni hanno comunque totalizzato oltre 2 milioni di download.

Alcuni commenti sul Play Store evidenziano il furto di credenziali, ma Evina è riuscita a produrre un reverse engineering (ingegnerizzazione al contrario). Grazie alle indagini dell’azienda francese, sappiamo che le applicazioni una volta installate ed avviate eseguivano un malware. L’attacco in questione, molto banalmente, prevede il caricamento di una pagina Facebook fittizia, attraverso la quale il codice malevolo registrava le credenziali di accesso al social network. Successivamente, l’applicazione invia i dati di accesso dell’utente attaccato ad un server remoto.

Il Play Store di Google dovrebbe essere la fonte più attendibile per quanto riguarda la sicurezza delle applicazioni scaricabili. Purtroppo, nonostante Google riesca a fermarli, una protezione in tempo reale in questo senso non è facile. Google scansiona le applicazioni non appena vengono caricate, ma a volte i furboni riescono a nascondere il codice per aggirare i controlli. Non per molto, per fortuna e Google ha dato una ripulita al Play Store un’altra volta con queste altre 25 applicazioni rimosse. Ben fatto Evina e Google.

Fonte

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

Huawei su Twitter: Trump danneggerà l’America

Quando qualcuno ha ragione, ha ragione. In questo caso, è Huawei che con una dichiarazione …