martedì , Novembre 24 2020

Android Q supporterà il touch 3D

A partire da Android 8 Oreo nel 2017 è stato introdotto il tap prolungato, per ovviare alla mancanza di display sensibili alla pressione. Ora Android 10 sembra sia pronto a supportare tale caratteristica.

Stando a quanto possiamo leggere nella documentazione del sistema operativo, c’è un riferimento al “Deep Press”. Se volessimo tradurre letteralmente sarebbe come dire “pressione profonda”. Ciò implica che il sistema operativo potrà elaborare una pressione più forte rispetto al semplice tap prolungato.

Al momento, comunque, non è chiaro se serviranno display in grado di percepire la pressione esercitata o se funzionerà anche senza. Quando con il dito premiamo sul display, invece che sfiorarlo, la superficie di contatto è maggiore. Ci sono applicazioni che riconoscono tale pressione, quindi potrebbe darsi che la stessa cosa possa avvenire in Android Q anche senza l’uso di hardware specifico.

Staremo a vedere, anche perché mancano veramente poche settimane ormai al Google I/O 2019.

Fonte

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

OnePlus 5T si aggiorna alla OxygenOS 9.0.5

Ottime notizie per tutti i possessori di OnePlus 5T che riceve l’aggiornamento alla OxygenOS 9.0.5. …