venerdì , Maggio 14 2021
android q connettività

Android Q, connettività semplificata

Non che la gestione delle connessioni al momento sia ostica, ma se si può trovare una via percorribile all’insegna della semplificazione, allora perché non percorrerla? Sembra l’intenzione di Google che su Android Q introdurrà una gestione delle connettività semplificata.

Prima di tutto c’è la possibilità di ridurre per 24 ore i tentativi di riconnessione ad una rete WiFi dalla quale ci siamo disconnessi. Se per un problema o per un altro, quella rete non funzionava bene, allora disconnettendoci manualmente, la stessa sarà messa in blacklist per 24h.

Android Q, gestione della connettività semplificata in-app

Ma la vera svolta, sarà, in Android Q. Come illustrato da Google su Android Developers, fino ad Android 9 se fossimo senza connessione ad internet, questo sarebbe il quello che vedremo, se cercassimo di aprire una pagina web.

In realtà questa immagine è stata presa da Android Q su Pixel 3a. Siccome la funzione non è ancora stata integrata nella beta 4, allora possiamo tranquillamente assimilarla allo stesso parco di funzionalità di Android 9. Comunque, quando Android Q sarà pronto e distribuito su tutti i terminali che lo ospiteranno, questo sarà invece quello che vedremo.

In pratica, anziché aprire le impostazioni e poi tornare su Chrome, sarà Chrome stesso ad aprire un pannello con le impostazioni di connessione. Potremmo attivare il WiFi, le reti mobili o disattivare la modalità aereo.

Una volta scelta la connessione da abilitare, nell’esempio delle immagini illustrato qui sopra, nel caso specifico delle connessioni WiFi potremmo scegliere a quale rete collegarci. Inoltre, se sono disponibili altre impostazioni per la specifica rete potremo anche accederci, modificando le impostazioni che ci interessa. Non finisce mica qui!

Suggerimenti WiFi in Android Q

Un’altra chicca, che forse rischia di passare inosservata, sarà la possibilità di scegliere una rete WiFi specifica per ogni app. Come illustrato sempre su Android Developers in questo punto della documentazione, Google ci spiega:

Android Q aggiunge il supporto alla tua applicazione per aggiungere le credenziali di una rete affinché il dispositivo possa riconnettersi ad una rete WiFi. Si possono fornire suggerimenti per quale rete usare. La piattaforma, quindi, scegliere quale rete usare dipendentemente dall’input dell’applicazione.

Ovviamente a noi verrà data la possibilità di scegliere quale rete usare, quale app indirizzare verso una rete piuttosto che un’altra. Uno degli scenari più classici, per esempio, potrebbe essere il lavoro. Per esempio la vostra rete aziendale blocca il traffico verso Facebook, WhatsApp o altro del genere, lasciandovi possibili solo lo scambio di informazioni aziendali. Potremmo usare, quindi, la rete aziendale per il lavoro, mentre la connessione dati mobili per le “cose personali”. Google, che dire: complimenti.

Fonte

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …