giovedì , Novembre 26 2020

ASUS ZenFone 6 primo aggiornamento disponibile

ASUS in passato non aveva brillato per con i suoi terminali per due motivi: prima di tutto la pesantezza della ZenUI, poi per la lentezza con cui rilasciava gli aggiornamenti per i propri dispositivi. La storia cambia, la musica cambia ed il suo top di gamma per il 2019 ha un’interfaccia più leggera, snella e molto più simile ad Android stock. ZenFone 6 riceve il suo primo aggiornamento.

Tante le migliorie, si parte dalla fotocamera che riceve un miglioramento alla modalità di scatto con poca luce. La possibilità di configurare e personalizzare il pulsante di controllo del volume per gestire la fotocamera anteriore. La lista completa dei cambiamenti è la seguente:

  • Modalità Super Night e HDR+ Enhanched (HDR++): miglioramento alle prestazioni e nella velocità di elaborazione delle immagini e nella qualità;
  • Aggiunta la funzione per controllare la rotazione della flip-camera con i tasti del volume nelle impostazioni della fotocamera ASUS;
  • Ora si può usare Smart Key per scattare le foto
  • Aggionarti gli sfondi di base e le suonerie
  • Migliorata la stabilità della fotocamera durante la rotazione
  • Ottimizzate le traduzioni nelle impostazioni

L’aggiornamento è in rilascio con la classica modalità “ad ondate”: ovvero i dispositivi lo riceveranno in tranche e, molto probabilmente, in base alla regione che è stata pianificata. Se non avete ricevuto la notifica di disponibilità dell’aggiornamento, non dovrebbe mancare molto. Se invece lo state scaricando o lo avete addirittura installato, fatecelo sapere usando il box dei commenti qui sotto.

ASUS ZenFone 6, con questo primo aggiornamento, inizia proprio bene e considerando il rapporto specifiche (quindi prestazioni) prezzo, potrebbe diventare un must buy. Che ne dite? Brava ASUS.

Fonte

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …