giovedì , Novembre 26 2020

Call Of Duty Mobile ufficiale per Android

Una delle serie più popolari per quanto riguarda i giochi sparatutto in prima persona, ovvero FPS (First Person Shooter), è disponibile sul nostro amato robottino verde. Chi già iscritto, avrà ricevuto la notifica sul proprio terminale: Call of Duty Mobile è disponibile su Android. Tante modalità di gioco, dal classico death match a squadre 5v5 alla più recente modalità in battle royale.

Pronti, quindi, a sfidare coi vostri amici il resto del mondo nel gioco sparatutto in prima persona che ha fattola storia dei videogiochi su PC? le modalità, come detto prima, sono le classiche da una parte sulle mappe che hanno reso celebre il gioco. Dall’altra, anche su mobile, arriva la versione Battle Royale di Call of Duty, ovvero quella vista su Black Ops 4 che va sotto il nome di Blackout.

Manco a dirlo, comunque, il gioco è stato sviluppato da Tencent Games che ormai sta riscuotendo un successo enorme, merito del buon lavoro svolto. Su Call of Duty Mobile per Android, il sistema di controllo non è nemmeno male, in quanto prende qualche funzioni del tanto acclamato Fortnite come per esempio il pick automatico delle armi da terra e il sistema di fuoco semplice. Con quest’ultimo, non appena un nemico sarà nel mirino, il nostro personaggio sparerà automaticamente.


Le mappe sono prese tutte dalle precedenti serie di Call of Duty e, quindi, su Android debuttano in modo spettacolare. Per installare il gioco, se non lo aveste già fatto, non dovrete far altro che cliccare sul seguente collegamento. Ma sarebbe meglio se lo faceste usando una connessione WiFi o avete un piano dati sufficientemente capiente da potervi permettere il download con la rete mobile. Per installare il gioco, infatti, servirà un download di 1,11GB circa. Non ci resta che augurarvi tante kill, in qualsiasi modalità vorrete giocare e fateci sapere che ve ne pare usando il box dei commenti qui sotto.

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …