lunedì , 24 Febbraio 2020
chrome logo

Chrome blocco delle notifiche sincronizzato, finalmente!

Proprio così, le notifiche presto potrebbero finalmente andarsene via. Sicuramente si tratta di una questione di preferenze, perché magari seguiamo un sito piuttosto che un altro. Ma se abbiamo manifestato il nostro interesse per non ricevere le notifiche da un sito su PC, dovremmo rifarlo su smartphone. Finalmente su Chrome il blocco delle notifiche sarà sincronizzato fra tutti i nostri dispositivi.

chrome quieter notification

Ovviamente dovremmo aver effettuato l’accesso a Google Chrome, ma se non altro la scoperta del team di XDA Developers porta una splendida notizia. La funzione, al momento, presente su Chrome, come potete vedere nell’immagine qui sopra, ma non è funzionante. Presto potrebbe arrivare su Chrome Canary, ma oltre a questo offre un controllo più specifico delle notifiche.

Sarà infatti possibile scegliere come ricevere le notifiche o se non riceverle affatto. Potremmo lasciare l’impostazione su predefinito, abilitare le notifiche Heads-Up o solo nella mini barra delle informazioni.


Comunque, la cosa più interessante è che potremmo finalmente bloccare le notifiche su Chrome e, questo blocco, verrà sincronizzato tra i vari dispositivi. Brava Google, finalmente ma come si suol dire, meglio tardi che mai.

Volete dare una possibilità a Chrome Canary, allora trovate il collegamento nel badge qui sotto. C’è solo una piccola precisazione, questa versione di Chrome non è sempre stabilissima e peraltro può ricevere aggiornamenti molto frequenti durante la settimana. Alcuni utenti, infatti, hanno segnalato anche due o addirittura tre aggiornamenti nell’arco di una sola giornata. Ma se siete in pace con tutto ciò, buon download. Brava Google, non vediamo l’ora che queste modifiche siano effettive.

Chrome Canary (instabile)
Chrome Canary (instabile)
Developer: Google LLC
Price: Free

Fonte

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!