mercoledì , Novembre 25 2020
chrome logo

Google Chrome, supporto alla verifica SMS OTP

Una delle tante caratteristiche che ci mette in condizioni di preferire le applicazioni, rispetto alle controparti web, è la facilità di configurazione o installazione. Per questo, per esempio, quando registriamo un account nuovo, la verifica del nuovo profilo a volte può richiedere l’invio di un SMS. Dobbiamo quindi copiare o ricordare il codice, ritornare sulla pagina web ed inserirlo. Google Chrome, ci eviterà questo passaggio, con il supporto alla verifica SMS con OTP.

Google Chrome API verifica SMS

La funzione, avvistata dai colleghi di Android Police, al momento non è disponibile. È illustrata, ma non ancora attiva. Per quanto, invece, possiamo capire il funzionamento non è altro che una lettura immediata del messaggio. Google Chrome, quindi, integrerà quindi il supporto alla verifica SMS, leggendo il codice OTP. I codici OTP, ovvero One Time Password, ormai sono ampiamente usati per la verifica dell’account.

Al momento, non sappiamo quando questa nuova API (Application Programming Interface) farà il suo debutto con Chrome. La versione 78 è stata rilasciata in via stabile proprio oggi, ma questa nuova funzione non sembra ancora inclusa.


Comunque, dimentichiamo i momenti bui in cui dovevamo copiare un codice di verifica via SMS. Presto, infatti, Google Chrome leggerà in modo automatico il messaggio, rendendo la verifica via SMS più veloce. Se volete aggiornare Chrome alla versione più stabile o provare quella in beta, non dovrete far altro che usare i link per il Play Store qui sotto. Li trovate inclusi nei relativi badge. Il box dei commenti aspetta le vostre opinioni in merito, ma potreste anche segnalarci qualche novità che non è stata ancora documentata.

Google Chrome: veloce e sicuro
Google Chrome: veloce e sicuro
Chrome Beta
Chrome Beta
Developer: Google LLC
Price: Free

Fonte

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …