sabato , Dicembre 7 2019
Home / Notizie / Dbrand Teardown Skin, ispirate da Zack Nelson

Dbrand Teardown Skin, ispirate da Zack Nelson

Abbiamo spesso portato nei nostri articoli sia i test che i teardown analitici di Zack Nelson. Il ragazzone, noto al mondo per il suo canale YouTube, alla fine di molti teardown ha sempre cercato di mantenere quanti più terminali possibili intatti. A volte c’è riuscito, altre no. Ma quando sopravvivono ai test ed ai suoi smantellamenti, l’unica cosa che gli piace di più era renderli trasparenti. Dbrand lancia quindi le Teardown Skin, un modo unico per rendere trasparenti i nostri smartphone senza dare l’estrema unzione alla garanzia.

Tutto sommato, rendere trasparente il proprio terminale è un risultato così appagante per alcuni, che potrebbero correre il rischio emulando Zack. L’installazione di una skin del genere, invece, è destinata a tutti. Rimuovere il vetro posteriore per renderlo trasparente così com’è è un rischio che nessuno dovrebbe correre. Installare una nuova Dbrand Teardown Skin è un’operazione semplice e non richiede strumenti dedicati, come per esempio una pistola in grado di soffiare aria molto calda.

Il prezzo di lancio, inoltre, non è particolarmente esoso. Anzi, per la skin trasparente si pagheranno circa 20$ (eventuali spese di spedizione escluse). Mentre per aggiungere un grado di protezione superiore, con una cover resistente agli urti di grado militare dovremmo sborsare appena 30$. Niente male Dbran, bella pensate quella delle Teardown Skin.

Per acquistarle, non dovrete far altro che andare sul sito ufficiale a questo indirizzo. Sono disponibili per alcuni Pixel, OnePlus, Samsung, iPhone ed anche per Nintendo Switch. Ma fate presto, saranno disponibili per una sola settimana ed ognuna ha un easter egg diverso della altre.

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!