sabato , 14 Dicembre 2019
Home / Notizie / Facebook conferma che potrebbe nascondere i Like

Facebook conferma che potrebbe nascondere i Like

Ormai, lo sappiamo, il like al post o alla foto condivisa è un segno di apprezzamento. Quello che sembra meno logico, invece, è il movimento anti-like che sta nascendo in seno al libro dei volti. Facebook, infatti, sta meditando seriamente sul nascondere o meno i Like ai post.

Influencer, capito? Vita breve potrebbe presto avere la fama che vi precede. Mark Elliot Zuckerberg, infatti, aveva già intenzione di nascondere i cuoricini su Instagram, ma solo su scelta del proprietario del profilo al momento. Ma se la promozione dei contenuti per il loro valore e non per la fama di chi li crea ha senso, d’altro canto deve arrivare il controsenso tipico di Facebook.

Facebook, allora, pensa di lasciare la facoltà agli utenti di scegliere se nascondere i Like o meno. Chi lo farebbe? Ovviamente chi è sicuro che la qualità dei suoi contenuti sia tale, da non necessitare che un numero di like elevato funga da magnete per altri like.

Nel post sul proprio profilo Twitter, Jane Manchun Wong ha condiviso una schermata di come sarà Facebook senza il magnetico numeretto. Facebook, a quanto pare, potrebbe nascondere il numero di like persino all’autore dello stesso post. Così è un po’ troppo, lasciamo all’autore un minimo di gratificazione? Dai Zuckerberg, ce la possiamo fare.

Sicuramente la qualità dei contenuti va resa prioritaria ed il nascondere i like potrebbe certamente giovare allo scopo. Ma renderlo facoltativo è decisamente un contro senso. Che cosa ne pensate? Anche per Facebook il fatto di nascondere i like potrebbe aiutare ad incrementare la qualità dei contenuti? Fatecelo sapere usando il box dei commenti qui sotto.

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!