mercoledì , Dicembre 2 2020
fedex huawei ban

FedEx stanca del ban Huawei: querela contro governo USA

Non pochi giorni fa vi avevamo parlato del noto corriere americano, ma che opera a livello internazionale, a proposito di un Huawei P30 Pro spedito dal Regno Unito agli USA. Ebbene, era accaduto che FedEx non lo aveva spedito, anche se si trattava di una spedizione privata in ottemperanza con il ban di Huawei negli USA. Adesso emerge che FedEx ha citato in giudizio il governo degli Stati Uniti.

L’accusa, semplice: non è possibile ispezionare minuziosamente tutti i pacchi inviati. Ma è normale, è ovvio che se deve andare alla ricerca della patata bollente, del brand cinese arrancherebbe ed in un modo devastante per il tipo di impresa che svolge FedEx. Se un collo di spedizione, dal Regno Unito agli USA dovrebbe impiegare 3 giorni, ma aspettarne 4 per i controlli a tappeto: addio business.

Fred Smith, CEO di FedEx ha affermato ai microfoni di Fox News quanto segue:

E’ impossibile, anche con i fantastici investimenti che abbiamo fatto per il nostro sistema di computer e adeguamento (ndr ai sistemi di controllo imposti). Noi non possiamo essere i poliziotti del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti.

Parole, che giustamente sembrano assai infastidite. Questo non tanto perché viene a favore del mulino di Huawei, ma anche se si fosse trattato della più piccola azienda. Non è giusto condannare qualcuno se non se ne hanno le prove.


Ma FedEx non era da biasimare prima, tanto meno adesso perché il ban di Huawei non può essere gestito da un corriere. Siamo stati subito dell’idea che dietro a quel rifiuto di spedire quel P30 Pro ci fosse stato un malumore in FedEx. Abbiamo avuto la giusta intuizione, eccone la prova. Trump, forse il problema principale non sono i nemici che ti stai facendo fuori dagli USA.

Fonte

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …