lunedì , Novembre 30 2020
galaxy note 10 one ui 2.0

Galaxy Note 10 e 10+ 5G, teaser di One UI 2.0 beta in Corea

Dall’annuncio ufficiale ad ora, le reazioni degli OEM principali sono state davvero operose. Sicuramente alcuni sono stati più veloci di altri, ma questione di poche settimane alla fine. Anche Samsung, come per Galaxy S10, sta preparando per Galaxy Note 10 la sua personalizzazione One UI 2.0 di Android 10. In queste ore, comunque, Samsung ha posticipato la distribuzione dalla data prevista per il 21 Ottobre, al successivo 24.

Samsung non ha ancora reso note Le ragioni per il ritardo nel rilascio della beta, ma sicuramente si tratta di quei fastidiosi bug dell’ultima ora. Di qui al rilascio ufficiale, comunque, servirà ancora qualche settimana. Ci vorrà ancora tempo per Samsung per rendere la sua personalizzazione di Android perfetta o il più esente possibile da problemi. L’Esperienza Utente (o UX, come si abbrevia in inglese), è uno dei punti focali per la coreana.

La cosa importante è che, oltre alla linea Galaxy S10, per la prima volta Samsung menziona Galaxy Note 10/10+ per la One UI 2.0 in fase beta. Circa i piani di rilascio per altre nazioni oltre la Corea, comunque, le informazioni non sono precise. Assecondiamo, quindi, la voce di corridoio che parla di un rilascio successivo alla Corea in altri stati e nazioni come la Germania, il Regno Unito.


Al di là del fatto che ancora non ci siano delle date o indicazioni per il rilascio anche in Italia, sicuramente Samsung sta lavorando intensamente per portare Android 10 sul nuovo phablet. L’impazienza durante l’attesa di Android 10 nella veste delle personalizzazioni di Samsung è comprensibile, ma sarebbe meglio aspettare qualche giorno in più per avere una distribuzione più stabile possibile. Non appena avremo ulteriori dettagli o novità in merito, vi aggiorneremo prima possibile.

Fonte

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …