sabato , Aprile 17 2021
note 10 ir blaster

Galaxy Note 10, un altro render con (probabile) IR blaster

Pare che chiunque stia realizzando i vari render di Galaxy Note 10 voglia mettere in mostra un piccolo dettaglio, un neo ma che rappresenterebbe un grande ritorno. Come possiamo vedere nell’immagine che vedete nel Tweet del nostro amico Mukul Sharma, e più sotto in dettaglio, nella parte alta del terminale si manifesta una macchiolina scura “strana”. Su Galaxy Note 10 potremmo vedere il ritorno dell’IR blaster, ovvero il trasmettitore ad infrarossi.

Come potete vedere meglio nell’ingrandimento qui sotto, abbiamo in sequenza il foro per il carrellino della SIM Card ed eventualmente microSD. Poi c’è il microfono per la cancellazione del rumore ambientale ed alla fine quello che sembrerebbe un IR Blaster.

Prendiamo tutto questo come una speculazione: Galaxy Note 10 avrà il trasmettitore ad infrarossi (IR blaster). Non possiamo, comunque, prendere questi render emessi finora come veri, fintanto che non pensiamo però a quelli emersi ieri.

Analizziamo la situazione. Finché si tratta di render “fan made” o basati sui rumor, è anche possibile che non siano perfettamente inerenti alla realtà delle cose. Per quanto, invece, riguarda il render creato da un’azienda che deve produrre, quindi commercializzare delle cover la cosa cambia. Deve per forza basarsi su dei dati di design forniti, in questo caso, da Samsung.

Rimaniamo dell’idea, comunque, che finché non ci saranno comunicazioni ufficiali tutto va preso come rumor. Anche se il terminale è stato renderizzato da una casa produttrice di cover, la più affidabile che ci sia. Meglio rimanere scettici, evitando brutte sorprese o delusioni.

Fonte

AGGIORNAMENTO: Dopo l’uscita, Samsung ha smentito il rumor. Si tratta del secondo altoparlante stereo.

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …