mercoledì , Novembre 25 2020
samsung galaxy s11 exynos 990 snapdragon 865

Galaxy S11 Snapdragon 865 in Corea, Exynos in Europa

Dopo la presentazione del SoC californiano di nuova generazione, potrebbe darsi che qualcosa tra le mura domestiche di Samsung stia per cambiare. Galaxy S11, almeno in patria, potrebbe arrivare in due fragranze, sia con Snapdragon 865 che Exynos 990. Purtroppo però, un’agenzia stampa coreana conferma anche una brutta notizia. In Europa dovremmo aspettarci solo le versioni con Exynos.

In particolare, secondo il report, Samsung dovrebbe lanciare Galaxy S11 con Snapdragon 865 in USA, Cina, Giappone e Corea. Mentre i dispositivi con SoC Exynos 990 dovrebbero arrivare sia in patria che, purtroppo, anche in Europa. La ripetizione di “purtroppo”, sperando che Samsung non ce ne voglia a male, è ridotta al minimo. La motivazione, quanto mai banale, è stata riassunta dai colleghi di The Elec e la trovate nel prospetto qui sotto.

Snapdragon 865 contro vs exynos 990

Il processore coreano, purtroppo, supporta sensori ottici fino a 100MP, mentre quello californiano sappiamo bene arriva fino ad un massimo di 200MP. Certamente, i megapixel non contano più di tanto, ma per quello che riguarda i display, Snapdragon 865 supporta pannelli fino a 144Hz, mentre Exynos 990 fino a 122Hz. Piccole differenze, ancora una volta, ma il divario diventa marcato nel campo dell’IA: 15 trilioni di operazioni al secondo, contro 10, ovvero Exynos 990 ha un terzo in meno della potenza computazionale di Snapdragon 865.

Samsung Galaxy S11 con Snapdragon 865 o Exynos 990?

Una domanda alla quale, a quanto pare ed a meno di cambi di programma, non potremmo rispondere. Ancora una volta, purtroppo. PErché abbiamo già visto come la differenza di prestazioni sia presente fra SoC californiani e coreani. Questa volta, sarà marcata. Il buontempone di turno potrebbe portare il vessillo coreano e proclamare “ma tanto, si tratta di un top di gamma quindi è tutto al top”.

Verissimo anche questo, non c’è dubbio. Nell’uso quotidiano sappiamo bene che alla fine, fra un messaggio WhatsApp ed una sessione di navigazione, piuttosto che un giochino, cambierebbe poco. Ma l’utente che prende un terminale top di gamma, lo fa perché per almeno 2 anni vuole un terminale senza compromessi. Prestazioni al massimo, sia su una che sull’altra variante. Se la differenza fosse poca, saremmo i primi a dirlo ma in questo caso sarebbe opportuno per Samsung valutare l’andamento delle vendite nel mercato. Anche a proposito di SoC.

Fonte

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …