domenica , Novembre 29 2020
galaxy z flip fronte chiuso

Galaxy Z Flip, ecco il video promo a poche ore dall’evento

Niente indugi nemmeno per la coreana. Stando all’andamento degli ultimi OEM principali, se Google ha mostrato il retro del proprio top di gamma in anticipo, Samsung non è da meno. In trepidante attesa tutti i fan e gli appassionati di tecnologia per l’evento di domani, ma per Galaxy Z Flip non rimane più quasi nessun dubbio. Quello che vedrete qui di seguito è Galaxy Z Flip nel suo primo video promo ufficiale, in anticipo di qualche ora rispetto alla presentazione di domani.

Tutte le scelte di design sono confermate dal video che abbiamo appena visto in pochi secondi. Sicuramente, il materiale era confidenziale e la registrazione su internet è stata divulgata con un discreto anticipo. In buona sostanza, la divulgazione non è stata autorizzata in modo esplicito da Samsung.

Nonostante alcuni terminali sono particolarmente golosi, come per esempio lo è Pixel 4, rompere in questo modo l’attesa sembra un po’ eccessivo. Di Google Pixel 4, prima della presentazione e quindi della commercializzazione, erano emerse addirittura delle recensioni complete. In questo caso, il Web e gli appassionati hanno storto non poco il naso di fronte a tutta questa mancanza di discrezione.

Rimane ancora un filo di mistero sulle specifiche tecniche e sul prezzo di lancio. Ricordiamo che Galaxy Z Flip potrebbe arrivare con un costo più contenuto rispetto a Galaxy Fold, anche se nel video promo non è palesemente espresso. Purtroppo però, non possiamo fare altro che speculare a tal proposito. Ciò significa che dovremo per forza di cose aspettare domani per scoprire tutto quello che aspettiamo di sapere ancora su Galaxy Z Flip e, ovviamente, anche sulla nuova serie Galaxy S20. Come al solito, non mancate di farci sapere cosa ne pensate usando il box dei commenti qui sotto o visitando la nostra pagina Facebook.

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …