lunedì , Luglio 26 2021

Google File modalità scura per i 100 milioni di download

Traguardi raggiunti da poche applicazioni, ma che comunque significano di più se andiamo a contestualizzare il tutto, Google File entra nell’olimpo dei cento milioni di download. Non parliamo di un’applicazione unica nel suo genere, nel senso che sul Play Store ci sono tante alternative. Con un tweet sul suo profilo principale, Google comunica che File ha superato i 100 milioni di download e si festeggia con l’arrivo della modalità scura, oltre che di un nuovo player multimediale.

Per altro quando è stata rilasciata, già diverse applicazioni si erano affermante. Una, in particolare, è stata ES Gestore File. Purtroppo rimossa dal Play Store, in seguito all’espulsione dal Play Store di Do Global da parte di Google. Comunque, come detto in apertura di articolo, per festeggiare il traguardo Google File a breve vestirà la modalità scura. Qui sotto trovate le schermate ufficiali condivise da Google.

Sul prossimo aggiornamento di Google File, oltre alla modalità scura vedremo anche una nuova interfaccia per il controllo di musica e video.

Che poi, a dirla tutta, non è tanto orientato alla gestione dei file in sé di quanto invece non lo sia per la gestione della memoria del terminale. Con la sua vocazione per scovare e suggerirci file da cancellare perché duplicati o “inutili”, File di Google ha conquistato sempre più persone. Brava Google, congratulazioni.

Se non avete ancora installato Google File potrete farlo con il link che trovate nel badge qui sotto. L’aggiornamento, come riportato da Google sul blog ufficiale, dovrebbe arrivare nei prossimi giorni. In attesa, fateci sapere che ne pensate. Usavate da prima Google File e l’arrivo della modalità scura vi interessa o preferite altri file manager? Se sì, diteci quali usando il box dei commenti qui sotto.

Files di Google
Files di Google
Developer: Google LLC
Price: Free

Fonte

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …