mercoledì , Novembre 25 2020
pixel 3a random shutdown

Google Pixel 3a si blocca, riavvio necessario

Quando si parla di Android e lo si fa indicandone la sua forma più pura, allora le prime due parole che vengono in mente sono Google Pixel. Anche se qualcuno di noi ricorda, invece, le parole Google Nexus, sappiamo comunque che queste sono le due esperienze d’uso del sistema operativo “Vanilla”, così per come lo ha ideato mamma Google. Da poco presentati e rilasciati sul mercato, in questi giorni il nuovo Pixel 3a (cosi come Pixel 3a XL) è oggetto di un problema molto fastidioso: si blocca ed necessario un riavvio.

Purtroppo la natura di questi “blocchi del sistema” non è ancora stata individuata, poiché ci sono molte segnalazioni e non tutte puntano il dito verso una causa univoca. Alcuni hanno riportato il problema durante la connessione WiFi in ufficio, altri dopo l’installazione di alcune applicazioni.

Il risultato sembra comunque lo stesso, benché le cause sembrino multiple in tutti i casi Pixel 3a e Pixel 3a XL si bloccano e devono essere riavviati in modo forzato. Per farlo, qualora non lo sapeste già, dovrete tenere premuto il pulsante di accensione per 30 secondi. A quel punto, il terminale si riavvierà.

Pixel 3a si blocca, come risolvere temporaneamente

Se anche voi state riscontrando tale problema con il vostro Pixel 3a o Pixel 3a XL, ovvero state notando degli spegnimenti casuali, fatecelo sapere usando il box dei commenti qui sotto. In caso, potete anche segnalare il bug andando nelle impostazioni alla voce “Segnalazioni e suggerimenti”.

Non appena avremo informazioni maggiori vi illustreremo nel dettaglio, ma nel frattempo aspettate che si venga a capo della situazione. Probabilmente potrebbe trattarsi di un problema software, niente di grave quindi. Una volta individuata la causa, un aggiornamento potrebbe trovare la via del rilascio in men che non si dica. Aspettiamo con pazienza, consapevoli comunque che non è una cosa facile da gestire quella di ritrovarsi con un telefono “bloccato” e doverlo riavviare forzatamente per farlo ritornare a funzionare.

Fonte

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …