lunedì , Ottobre 14 2019
Home / Notizie / Google Search cerca anche nei video i momenti chiave

Google Search cerca anche nei video i momenti chiave

Noi non abbiamo problemi a identificare un momento chiave in un video, tanto quanto in una canzone. La stessa cosa, invece, non valeva per Google Search che adesso è in grado di cercare nei video i momenti chiave. La cosa non era abbastanza facile, eppure adesso con un post sul proprio blog Google annuncia ufficialmente la nuova funzione.

Purtroppo, partiamo con una limitazione in quanto al momento la funzione è disponibile solo in lingua inglese. Sullo stesso post, Google comunque non fa esplicitamente riferimento a restrizioni di tipo regionale o nazionale. Al momento almeno una limitazione c’è e rende la funzione limitata alla sola lingua inglese, non è da escludere che l’estensione a più lingue possa arrivare presto.

Allo stesso modo, non sappiamo di preciso quando Google Search permetterà di fornire i risultati anche con la ricerca nei momenti chiave dei video. Il funzionamento è un altro mistero, ma di qui all’arrivo anche in lingua italiana potrebbe passare un po’ di tempo. L’unica cosa che Google ha detto che può far intendere come tutto ciò accadrà dietro le quinte è una collaborazione con i content creator. Probabilmente, per vedere una migliora indicizzazione del video e, quindi, vedere un momento chiave comparire nei risultati di ricerca, chi creerà il video dovrà documentare in modo più approfondito il filmato.

Comunque rimane il fatto che non mancherà molto, ma una cosa che mancava prima adesso potrebbe arrivare da un momento all’altro. Questa, come tante altre novità del genere sono tutte migliorie al modo in cui Google rende accessibili le informazioni. Migliorarne l’accessibilità, significa poter arrivare ad un’informazione prima possibile. Brava Google.

Fonte

Informazioni suNazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

WhatsApp scegliamo chi può aggiungerci ai gruppi e chi no

Non molto tempo fa avevamo visto insieme che WhatsApp avrebbe permesso di lasciarci decidere chi …