mercoledì , Novembre 25 2020
google stadia controller wifi no latenza

Google Stadia il controller WiFi azzera la latenza

Tra i tanti servizi di game streaming in arrivo, uno realizzato da Google non poteva mancare. Conoscevamo già Stadia, ma grazie alla prova con mano di Phandroid emerge un dettaglio non poco interessante. Google Stadia avrà un controller WiFi che si collegherà direttamente ad internet.

Per tutti coloro che masticano video giochi per passarsi il tempo libero, sappiamo che per esempio il controller di Xbox One o PS4 si collega senza fili alla console. Dalla piccolo dispositivo, quindi, partono tutti gli input che arrivano alla console. Purtroppo questo tempo, considerando i nascenti servizi di game streaming, va a sommarsi con il ritardo intrinseco della nostra connessione ad internet.

google stadia controller wifi

Per spiegarci meglio, con il servizio di game streaming di Microsoft chiamato xCloud alla latenza della connessione internet per fruire del gioco sulla console, dovremmo sommare quella della periferica di controllo. Pochi millisecondi, qualcuno potrebbe obiettare. Ma Google Stadia con il suo controller WiFi promette di eliminare questo ritardo eliminando, di fatto, il terzo incomodo che sia esso una console o un PC.

Google Stadia, sarà il controller la “console”

Le promesse fatte da Google sono abbastanza ottime e lungimiranti anche. Per il momento, quando il servizio sarà disponibile potremo giocare a tutti i titoli inclusi a 1080p o 4K, ma dovremmo avere una connessione con almeno 25mbit o 30mbit in download rispettivamente per il Full HD o per il 4K.

Purtroppo al momento non sappiamo altro sul servizio, soprattutto a proposito di un rilascio nella nostra nazione ed al costo che avrà (sicuramente in abbonamento mensile). Speriamo di poter avere informazioni precise e nel minor tempo possibile. Ma voi, siete pronti alla moltitudine dei servizi di streaming in arrivo? Se sì, quale vi interessa di più? Giocare a qualsiasi gioco con un solo abbonamento e con la massima qualità, chi non farebbe fatica a trattenere l’acquolina in bocca!

Fonte

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …