giovedì , Novembre 26 2020
Google stadia prezzo

Google Stadia: prezzo, giochi e lancio a breve!

Ci siamo, il momento che tutti i gamers stanno aspettando sta arrivando. Google Stadia sta arrivando, fra poco ne conosceremo prezzo, data di lancio e parco titoli. Ma perché l’avvento di Google nel settore dello Cloud Gaming è importante? Solo perché un competitor potrebbe agitare un po’ le acque, a favore quindi dei giocatori? Certo, ma anche per altri motivi che ne derivano inevitabilmente.

Iniziamo con il video, il promo che introduce Google Stadia. I giochi, che oggi hanno la loro massima espressione tecnologica nel formato videoludico, hanno fatto e faranno parte di qualsiasi cultura umana. Questo è l’ovvio senso del promo, ma Google si inserisce in un settore dove, manco a farlo apposta, potrebbe dare fastidio ad altri competitor. Bene! Ma non solo, perché se uno dei competitor nel settore del cloud gaming (NVIDIA), è anche il principale produttore di schede video la cosa diventa anche più interessante.

Google, come sappiamo, non produce schede video, almeno finora. Non produce affatto hardware per PC, o quanto meno specifico per il “gaming”. Ora, il suo arrivo nel mondo del cloud gaming mette pepe sia a chi offre lo stesso servizio, ma anche a chi produce hardware come NVIDIA. Accedere a titoli tripla A senza per forza avere sul proprio PC l’ultima (e costosa) scheda video, potrebbe essere un punto di forza per Google Stadia. Potrebbe anche essere uno stimolo per i produttori di schede video ad abbassarne i prezzi delle componenti? Speriamo.

Google, quindi, potrebbe presto svelare il futuro di Stadia annunciando a breve la data di lancio, il prezzo ed il parco titoli. Voi che pensate? Google Stadia potrebbe giocare un ruolo chiave nel settore del gaming in generale?

Fonte

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …