giovedì , Novembre 26 2020
honor 20 fotocamere confermate

Honor 20 con Kirin 980 avvistato su Geekbench

Avevamo visto qualche giorno fa le specifiche tecniche delle fotocamera e ieri era arrivata la conferma. Oggi, invece, da Geekbench arrivano ulteriori informazioni. Honor 20, infatti, è stato avvistato con il processore Kirin 980 e ben 6GB di memoria RAM.

Honor 20 con Kirin 980

Quello che vediamo qui sopra è il risultato lasciato su Geekbench qualche ora fa da Honor 20 (YAL-L21). Secondo gli insistenti rumor che girano in rete e che accompagnano questa schermata, si tratta delle versione “normale”. La versione Pro di Honor 20 dovrebbe, infatti, avere YAL-L41 come numero di modello.

Al momento le indiscrezioni sono unanimi nel parlare di Honor 20 e del fatto che possa essere dotato del SoC Kirin 980. Anche se a supportare queste voci c’è uno screenshot di un benchmark eseguito sul terminale, cerchiamo sempre di mantenere un certo livello di scetticismo.

Ad accompagnare il processore, ci sono 6GB di memoria RAM. Purtroppo le altre specifiche, al contrario di quanto era accaduto per i sensori ottici, rimangono ancora dei rumor. A tal proposito, si vociferano due versioni per la memoria interna, trattandosi di un terminale top di gamma non possiamo escludere che sia cosi. Nello specifico, sembra che ci siano una versione da 128GB ed un’altra da 256GB. Honor 20, al momento, è atteso in tre varianti ovvero: Honor 20i, 20 e 20 Pro. Ma queste informazioni possono essere vere, tanto quanto invece essere delle speculazioni non fondate.

Staremo a vedere, anche perché sappiamo che la presentazione ufficiale non tarderà ancora molto. Come ricorderete bene infatti, la nuova linea Honor verrà svelata al pubblico il prossimo 25 Maggio. Probabilmente nel corso dei prossimi giorni potrebbero emergere nuove informazioni. In quel caso, vi informeremo prima possibile. Ma per adesso armiamoci di un po’ di pazienza, tanto per oggi almeno siamo impegnati. Chi ha detto OnePlus 7 Pro?

Fonte

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …