lunedì , Novembre 23 2020
Huawei analisi mercato

Huawei continua a crescere, nonostante il ban

Mancano ancora pochi giorni al fatidico 18 Agosto ma, nonostante la situazione che l’amministrazione Trump ha generato, l’azienda cinese non se la passa affatto male. Huawei, infatti, continua a crescere portando a casa un secondo trimestre per il 2019 niente male. In Cina, pensate, è l’unica azienda ad avere uno stato di salute che parla di crescita, oltre che di consolidazione.

Dalle analisi di mercato di Canalys, entro i confini del mercato cinese Huawei ha registrato un importantissimo +31% di crescita nelle vendite. Da 28,5 milioni di smartphone venduti nella sola Cina, è infatti aumentato il volume delle vendite fino a superare i 37 milioni di terminali.

I restanti competitor nel mercato cinese, comunque, hanno sofferto di più per la contrazione generale delle vendite di smartphone. Quella che ha accusato di più il colpo, paradossalmente, è Xiaomi. Fortuna vuole che questi dati, al momento, non rispecchiano le vendite degli ultimi mesi, con l’arrivo di Redmi K20 (sia normale che Pro) e con il lancio dei nuovi CC9 e CC9e, la situazione potrebbe migliorare.

E’ anche vero che a breve potremmo saperne di più sul lancio di Huawei Mate 30 Pro e, dopo che la commercializzazione sarà stata avviata in tutto il mondo, torneremo a parlarne. Ma al momento ci sono ancora un po’ di settimane che ci separano dalle prossime analisi.

Nonostante il ban, quindi, Huawei continua a crescere e non ha perso la fiducia dei consumatori cinesi e, globalmente, si può dire che la stessa cosa vale. Il consumatore non affetto da pregiudizi di sorta o che, comunque, non si è fatto impressionare più di tanto dal ban imposto da Trump, ha continuato a scegliere smartphone Huawei.

Fonte

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …