giovedì , Maggio 13 2021
huawei appgallery invito sviluppatori

Huawei invita gli sviluppatori a pubblicare su AppGallery

La Trade War che gli USA stanno conducendo contro la Cina si è ripercossa in modo pesante su Huawei, ma questo ormai lo sappiamo bene. Quello che non sappiamo ancora è cosa sta accadendo a proposito della reazione di Huawei. Nel frattempo, comunque, un utente di XDA Developers ha diffuso il contenuto di una e-mail ricevuta da Huawei circa un invito ufficiale a pubblicare la propria applicazione Huawei AppGallery.

In particolare nella e-mail Huawei scrive:

Oggetto: [UFFICIALE] Invito ad entrare nella AppGallery di Huawei

– Negli ultimi due anni Huawei ha spedito oltre 350 milioni di terminali nei mercati occidentali.

– Abbiamo scoperto che la tua Applicazione Android XXX non è ancora stata pubblicata nella nstra AppGallery

– Per garantire un miglior utilizzo delle applicazioni ai nostri utenti, Huawei si impegna a offrirti il supporto necessario per aiutarti a pubblicare la tua Applicazione nella nostra AppGallery

– Vorremo inoltre invitarti ad unirti alla comunità di oltre 560.000 sviluppatori nel nostro portale di sviluppo Huawei

Apparentemente, sembrerebbe una mossa disperata. Ma non c’è niente di strano, infatti, in una proposta del genere. Gli stessi sviluppatori di XDA Developers, aggiungono che anche Amazon li ha contattati in merito ad una proposta del genere.


Google, lo avevamo visto ieri, ha preso una posizione abbastanza neutrale, portando acqua un po’ più al suo mulino che non a quello di Huawei. Dispiace, anche se è vero, che si sia pronunciata in nome della sicurezza, ma comunque l’osservazione rimane più arguta della decisione del governo USA.

Possibilmente questa situazione non è da sottovalutare, almeno per il governo americano. Se dalle ipotesi, visto che si è abbondantemente inimicato la Cina intera, si passasse ai fatti? Trump, te la stai andando proprio a cercare.

Fonte

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …