sabato , Dicembre 7 2019
Home / Notizie / Huawei Mate 30 Pro in Italia dal il 18 Dicembre
huawei mate 30 pro vendite

Huawei Mate 30 Pro in Italia dal il 18 Dicembre

È presso ché inutile dire due cose, che ormai sappiamo a mena dito: è il re della fotografia, ma arriverà senza le applicazioni principali di Google. Questo perché l’amministrazione Trump ha iniziato una caccia alle streghe, partendo però dalla condanna in pieno stile medioevale. Huawei Mate 30 Pro in Italia, comunque, è disponibile al preordine sul sito ufficiale, ma anche nello store fisico a Milano.

La segnalazione, aggiornata con una data precisa, arriva da Huawei Central. Purtroppo però, oltre al dolce arriva l’amaro, in quanto Huawei Mate 30 Pro anche in Italia arriverà con i Huawei Mobile Service, anziché i Google Mobile Service. Tuttavia, per ottenere il primato su DxOMark le applicazioni di Google non sono valse a nulla. La natura da fuori classe del terminale, per decisione d’altri, implicherà qualche piccolo ostacolo.

Se avete intenzione di acquistare Huawei Mate 30 Pro in versione 4G in Italia, sappiate che al prezzo di 1.099€ vi porterete a casa anche un buono acquisto di 300€. Con un’aggiunta di 100€, potrete portare a casa anche una Gift Box di Huawei contenente: Huawei Watch GT 2, le FreeBuds 3, ed il caricabatterie wireless ed anche un Huawei Mini Speaker.

Insomma, da un lato l’amministrazione Trump cerca di porre un freno alla crescita di Huawei. Dall’altro, la vittima più colpita dalla Trade War USA-Cina, si arrangia e fa del marketing una vera e propria strategia di sopravvivenza. Riesce ad intrigarvi l’offerta di Huawei Mate 30 Pro? Fatecelo sapere usando il box dei commenti qui sotto. Potreste anche raggiungerci sulla nostra pagina Facebook.

Fonte

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!