lunedì , Novembre 23 2020
Nokia 6.2 specifiche tecniche prezzo

Nokia 6.2 rumor su specifiche tecniche e prezzo

Pare che HDM Global sia a lavoro sul successore di Nokia 6.1 e avrebbe dovuto seguire le stesse tempistiche di rilascio della serie. Nokia 6 è stato presentato a Gennaio 2017, un anno dopo ha fatto la sua comparsa Nokia 6.1. Ora, per quanto riguarda il successore, potrebbe darsi che l’arrivo sia imminente. Emergono in rete nuove informazioni su Nokia 6.2 come le specifiche tecniche ed il probabile prezzo di lancio.

Nokia 6.2 potrebbe arrivare con una configurazione da media gamma, ma che comunque presenta delle specifiche tecniche non male. Al suo interno potremmo trovare i seguenti componenti:

  • Display AMOLED da 6,2 pollici Full HD+ con risoluzione pari a 2280×1080 pixel
  • Processore Qualcomm Snapdragon 660
  • Memoria RAM pari a 4 o 6GB
  • Memoria interna pari a 64GB
  • Fotocamera posteriore tripla, con sensore principale da 20MP, grandangolare da 8MP e sensore di profondità di campo da 5MP
  • Batteria da 3,300mAh

Nel nuovo rumor che accompagna il terminale, peraltro, mancano informazioni circa la fotocamera anteriore. Qualora dovessimo trovare informazioni più precise a tal proposito aggiorneremo l’articolo prima possibile.

Per quanto riguarda il prezzo, pare che le due versioni potrebbero avere un costo di 1199 e 1499CNY, cioè circa 160€ per la versione da 4GB di RAM e poco meno di 200€ quella da 6GB. Molto probabilmente, per la commercializzazione in Europa ci si aspetta un prezzo di circa 180€ per la versione con 4GB di RAM, di 219€ per il taglio invece da 6GB.


Staremo a vedere, anche perché si parla di una presentazione ufficiale anticipata rispetto al trend della serie. Potremmo quindi vedere Nokia 6.2 in tempi brevi forse già il prossimo mese, confermando o smentendo quindi le specifiche tecniche appena viste. Che ne pensate? Vi intriga?

Fonte

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …