lunedì , Ottobre 14 2019
Home / Notizie / OnePlus 7T/7T Pro McLaren Ed prezzi prima del lancio
oneplus 7t pro prezzo di lancio

OnePlus 7T/7T Pro McLaren Ed prezzi prima del lancio

Oggi alle 17 ora italiana si terrà la presentazione dei top di gamma per la seconda metà del 2019 dell’azienda che “non si accontenta mai”. OnePlus, infatti, svelerà globalmente OnePlus 7T, 7T Pro e 7T Pro McLaren Edition con tanto di prezzi, ovviamente. Ma Prima del lancio, su Twitter come si consueto iniziano a girare delle indiscrezioni abbastanza precise sul prezzo dei tre terminali.

Leggendo quanto condiviso da Ishan Agarval sul suo profilo Twitter, il costo di OnePlus 7T Pro sarà un po’ al di sopra degli 800€ per la variante da 12 GB di RAM e 256 di memoria interna. OnePlus 7T, invece, avrà un costo compreso fra i prezzi di 589-599€, ma comunque leggermente al di sotto dei 600€.

Avevamo visto insieme che il costo al cambio di OnePlus 7T sarebbe stato di 499€ qualche settimana fa. A questi ovviamente, andavano aggiunti altri 100€ e nelle nostre speculazioni abbiamo tenuto conto di una leggera fluttuazione del costo. OnePlus 7, al momento, parte da 559€ per la versione da 6GB di RAM e 128GB di memoria interna. Non è quindi da escludere che la variante da 256GB di OnePlus 7T possa costare circa 659€ o 699€.


Nel rumor, quindi, di Agraval manca ovviamente la soluzione di mezzo, ovvero OnePlus 7T Pro in questa lista di prezzi rimane in una sorta di limbo. Potrebbe quindi darsi che il prezzo di partenza possa essere di circa 729€ come accaduto per OnePlus 7 Pro?

Lo scopriremo solo alla fine della presentazione che, vi ricordiamo, si svolgerà alle 17 di oggi pomeriggio. Aspettiamo quindi che OnePlus sveli 7T, 7T Pro e 7T Pro McLaren Edition ed i relativi prezzi di lancio, con tanto di date di inizio vendite. Voi che ne pensate? I prezzi di OnePlus 7T nelle sue varianti vi sembrano giusti o troppo costosi? Usate il box dei commenti qui sotto per farci sapere che cosa ne pensate.

Fonte

Informazioni suNazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

WhatsApp scegliamo chi può aggiungerci ai gruppi e chi no

Non molto tempo fa avevamo visto insieme che WhatsApp avrebbe permesso di lasciarci decidere chi …