giovedì , Novembre 26 2020
pixel 4a teaser commerciale

Pixel 4a data di lancio trapelata da Vodafone Germania

“No spoiler” è uno dei modi di dire a cui ci siamo abituati ultimamente parlando a proposito di film, serie TV o qualsiasi cosa che non vorremo rovinata scoprendone il finale. Nel caso di nuovi terminali, invece, gli spoiler sono più che desiderati. Parlando del prossimo terminale di fascia media di Big G, sembra che arriverà in meno di un mese. Vodafone Germania non è riuscita a tenere il segreto, comunicando che Google Pixel 4a ha una data di lancio già fissata e arriverà il 22 Maggio.

Il prezzo è ancora oggetto di rumor, ma non dovrebbe in effetti essere lontano dai 399€. A dire il vero non ci sono conferme nemmeno sulla data di lancio, ma Google Pixel 4a potrebbe arrivare con le seguenti specifiche tecniche:

  • Display da 5,81 pollici con risoluzione Full HD+ pari a 2340×1080 pixel
  • Processore Qualcomm Snapdragon 730
  • Fotocamera posteriore da 12MP
  • Fotocamera anteriore da 8MP
  • Batteria da 3.080mAh con ricarica rapida fin a 18W

Trattandosi di un terminale di fascia media e di un contesto prettamente speculativo, Google Pixel 4a potrebbe essere scarsamente interessante. Nonostante l’esperienza di Android sui terminali Google sia completamente pura, o cosiddetta “Vanilla”, già a partire dal processore non ci siamo. Se venissero confermati i rumor, saremo davanti ad un terminale con Snapdragon 730, non 730G.

Forse il passo è troppo audace per Google, ovvero quello di puntare su qualcosa di più fresco come Snapdragon 765. Polemiche a parte, Pixel 4a potrebbe arrivare realmente sul finire di Maggio, confermando una data di lancio in linea con il suo predecessore. Purtroppo, prima del 22 Maggio o forse prima del Google I/O 2020 non ne sapremo molto di più. A meno che non si ripeta la fuoriuscita di informazioni come per Pixel 4, dovremmo aspettare ancora un po’.

Fonte

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …