venerdì , Maggio 7 2021

Realme mostrerà il primo smartphone con sensore a 64MP

Da quanto è stato annunciato sono passate un po’ di settimane, ma ora iniziano ad essere sempre più i rumor e le indiscrezioni di smartphone che monteranno il sensore ISOCELL Bright GW1. Realme è uno dei produttori che mostrerà, come avrete intuito dal titolo e dall’immagine in copertina, il suo primo smartphone a 64MP.

A condividere l’indiscrezione, il buon Mukul Sharma. Non solo ci sarà un sensore da 64MP, ma ce ne saranno altri tre. Al momento, dei tre sensori che accompagneranno ISOCELL Bright GW1 non sappiamo praticamente niente. Non è da escludere che ci sia spazio per un sensore grandangolare ed uno magari per le macro, così come un ultimo per la profondità di campo.

Per le specifiche tecniche del terminale, non è nemmeno da escludere che ci possa essere a bordo un processore Qualcomm Snapdragon 855 (normale o Plus). Brancoliamo letteralmente nel buio, anche se in fin dei conti non è detto che Realme possa presentare effettivamente uno smartphone con 4 fotocamere. Teniamoci pronti all’evenienza che presenti un semplice layout di fotocamere, con le specifiche dei sensori ma nessun terminale.

Per fortuna non dovremmo attendere ancora molto, Realme presenterà il suo primo smartphone con sensore ottico da 64MP la prossima settimana. Precisamente il prossimo 8 Agosto a Nuova Delhi. Che ne pensate? Secondo voi vedremo un nuovo camera-phone o solo le specifiche dei sensori?

Fonte

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …