giovedì , Novembre 26 2020
redmi 7a specifiche tecniche

Redmi 7A specifiche tecniche ufficiali

Xiaomi Redmi 7A è ufficiale e la commercializzazione parte dall’India. Non solo Xiaomi, ma anche OnePlus hanno un successo decisamente rilevante nel continente indiano. Tralasciando la preferenza geografica, il successore di Redmi 6A è uno smartphone dalle pretese entry level che, comunque, non è affatto male specie al prezzo a cui viene proposto. Oggi possiamo vedere insieme Redmi 7A e le sue specifiche tecniche ufficiali.

Al suo interno troveremo una configurazione come la seguente:

  • Display HD+ da 5,45
  • Processore Qualcomm Snapdragon 439
  • Memoria RAM pari a 2GB
  • Memoria interna pari a 16 o 32GB espandibile con slot microSD
  • Fotocamera posteriore da 12MP con sensore Sony IMX486
  • Fotocamera anteriore da 5MP
  • Batteria da 4.000mAh
  • Jack da 3,5mm per le cuffie
  • Disponibile in tre colori: Matte Black, Matte Gold e Matte Blue

Volendo considerare l’acquisto di Redmi 7A in base alle specifiche tecniche, dobbiamo tenere a mente che si tratta pur sempre di un terminale economico. I prezzi di lancio infatti sono molto accessibili:

  • 2/16GB: 5,999Rs (cioè 77€ circa al cambio)
  • 2/32GB: 6199Rs (cioè 79€ circa al cambio)

In India la vendita inizierà il prossimo 11 Luglio ma per l’arrivo in Italia ancora non si sa nulla. Il prezzo potrebbe variare leggermente, con Redmi 6A che ha ancora un prezzo sul sito ufficiale di 129€ potremmo aspettarci un prezzo simile per il successore.

Al momento, comunque, sotto i 200€ è una delle alternative migliori e se state cercando uno smartphone economico, questo è un buon affare. Redmi 7A, fra le sue specifiche tecniche ha una batteria davvero capiente, considerando sia processore che display, offrirà un’autonomia molto buona.

Fonte

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …