mercoledì , Novembre 13 2019
Home / Notizie / Redmi 8 ufficiale da 169€ e batteria da 5.000mAh

Redmi 8 ufficiale da 169€ e batteria da 5.000mAh

In apertura di questo articolo, vi ricordiamo che parleremo sempre in modo scevro da passioni particolari per i brand, così come per i modelli. Ma quando un’azienda fa bene, daremo il giusto merito. Come nel caso di Redmi 8 che per il prezzo di lancio ufficiale (senza offerte) è di suo un ottimo acquisto. Buona la dotazione hardware ma la batteria lo rende lo smartphone per eccellenza in termini di durata.

Per quanto riguarda la configurazione hardware di Redmi 8, le specifiche tecniche sono le seguenti:

  • Display da 6.22 pollici HD+ con risoluzione 1520×720 pixel
  • Processore Qualcomm Snapdragon 439
  • GPU Adreno 505
  • Memoria RAM 3 o 4GB
  • Memoria interna da 32 o 64GB
  • Fotocamera posteriore doppia da 12+2MP
  • Fotocamera anteriore da 8MP
  • Batteria da 5.000 mAh con ricarica rapida da 18W (caricabatterie incluso nella confezione da 10W)

A voler cercare una pecca, in effetti, Xiaomi avrebbe potuto incentivare l’acquisto con l’inclusione nella confezione di un carica batterie rapido da 18W. Ma poco male, alla fine non parliamo di un terminale che al lancio ha pretese di competere con i big del momento.

Anzi, votato all’autonomia, con una doppia fotocamera nella parte posteriore in un prezzo di 170€ al lancio non è per niente male. Proprio parlando di autonomia, quella dichiarata da Redmi è di ben 25 giorni in stand-by, ma se arrivasse a coprire due giorni di utilizzo normale sarebbe un gran bel traguardo. Brava Redmi, niente male. Per acquistare Redmi 8, non dovrete far altro che visitare lo shop ufficiale su Mi.com. Come al solito, vi aspettiamo sia nei commenti qui sotto, ma anche sulla nostra pagina Facebook.

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!