sabato , Dicembre 5 2020
redmi k20 pro prezzo ufficiale

Redmi K20 pro prezzo ufficiale (in Cina)

E’ stato finalmente svelato il primo top di gamma del brand figlio di Xioami, adesso abbiamo la conferma che Redmi K20 Pro avrà un costo di partenza veramente basso. Le specifiche tecniche sono state tutte confermate ed anche il prezzo (almeno per la Cina). Prima di dirvi che Redmi K20 Pro avrà un prezzo ufficiale che, per le caratteristiche, potrebbe costituire un best buy per l’estate 2019, ripassiamo le principali specifiche tecniche.

Redmi K20 Pro Specifiche

Redmi K20 Pro, come ricordiamo bene, ha in sé le seguenti componenti:

  • Display da 6,39 pollici OLED con rapporto 19.5:9 ed una risoluzione Full HD+ (2340*1080 pixel)
  • Processore Qualcomm Snapdragon 855
  • GPU Adreno 640
  • Memoria RAM pari a 6GB (non confermata, ma di tipo LPDDR4X a 2.133MHz) o 8GB
  • Memoria interna di tipo UFS 2.1, da 128GB o 256GB
  • Fotocamere posteriori: sensore principale 48MP Sony IMX586 ed apertura focale f/1.7, una grandangolare da 13 MP ed una telephoto da 8MP entrambe con apertura focale f/2.4
  • Fotocamera anteriore da 20MP di tipo pop-up con apertura focale f/2.0
  • Batteria da 4.000mAh con supporto alla ricarica rapida fino a 27W.

Redmi K20 Pro prezzo ufficiale

Redmi K20 Pro avrà un prezzo di 2499CNY (ovvero poco meno di 329€ al cambio) nella versione da 6GB di RAM e 128GB di memoria interna. Per la versione da 8GB di RAM e 256GB di memoria interna il prezzo salirà a 2999 yuan, poco meno quindi di 399€ al cambio.

Allo stato attuale, comunque, mancano le conferme per il mercato europeo e quindi per l’Italia. Ma se dovesse arrivare in Italia la versione da 8GB di RAM e con 256GB di memoria interna, Redmi K20 Pro a quel prezzo (ovvero circa 400€) sarebbe il vero best buy di questa estate.

Speriamo di avere prima possibile informazioni per il mercato italiano così da potervele mostrare il prima possibile. Ma per il momento non possiamo fare altro che aspettare, sapendo che Redmi K20 Pro adesso è ufficiale.

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …