lunedì , Novembre 30 2020

Redmi K20 Pro i render dei case ne confermano il design

Già Redmi K20 Pro, in termini di design, è veramente bello. Ma quello su cui vogliamo focalizzarci per ora è il design dello smartphone. Nello specifico sappiamo che Redmi K20 e K20 pro, grazie ai render di questi, avranno un design con le tre fotocamere in verticale centralmente nella parte posteriore.

La fotocamera principale, a quanto pare, è messa in evidenza da un cerchio di metallo, presumibilmente alluminio. Gli altri due sensori, immediatamente sotto sempre in verticale, precedono il doppio flash LED.

Purtroppo, però, in tutti questi render non è possibile apprezzare né la parte frontale né la parte in cui dovrebbe passare la fotocamera anteriore. Tutti i render sono incentrati sul mostrare la parte posteriore che, come possiamo facilmente vedere, passa dal vetro con colorazioni a gradiente, al plaxiglass medico incastrato in due inserti di pelle, con tanto di finger ring.

Ma io ho un certo ascendente per quello con Iron Man o con quello semplicemente nero, anche se c’è una scritta. Voi, che preferenze avete? Qual è il case che più vi piace, sia che siate interessati o meno a Redm K20 o K20 Pro.

Purtroppo, anche se di Redmi K20 e K20 pro il design è confermato più o meno, ancora non emerge nessuna informazione per quanto riguarda il nome in Europa. Si era vociferato, qualche giorno fa, che potrebbe arrivare in Italia o comunque in Europa, con il nome di Xiaomi Mi 9T e Xiaomi Mi 9 T Pro. Sfortunatamente, a questa indiscrezione non fa seguito nessuna prova che ne possa confermare, sebbene la fonte la dia per attendibile, la veridicità.

Staremo a vedere, anche perché se dovesse arrivare in Europa con quel nome, indicherebbe un chiaro rebranding che potrebbe riflettersi (negativamente) sul prezzo.

Fonte

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …