lunedì , Luglio 26 2021

Samsung Galaxy M30s specifiche tecniche: batteria da 6.000mAh

Samsung Galaxy M30s, a proposito di specifiche tecniche, alza l’asticella della capienza massima della batteria mai installata su un Galaxy: ben 6.000mAh. Già in rete emergono le prime informazioni sulle specifiche tecniche, probabilmente Samsung potrebbe entrare nel segmento dei camera-phone economici. Bene.

Samsung Galaxy M30s cover

Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche e la dotazione hardware di Samsung Galaxy M30s, le specifiche tecniche dovrebbero essere le seguenti.

  • Display da 6,4 pollici Full HD+ con risoluzione pari a 2400×1080 pixel, AMOLED con Infinity-U design
  • Processore Samsung Exynos 7904
  • Memoria RAM pari a 4 o 6GB
  • Memoria interna pari a 64 o 128GB espandibile con MicroSD
  • Fotocamera posteriore composta da 3 sensori:
    • Principale da 48MP con f/2.0
    • Sensore di profondità di campo da 5MP ed apertura focale f/2.2
    • Grandangolare da 8MP ed apertura focale f/2.2
  • Fotocamera anteriore da 16MP con apertura focale f/2.0
  • Batteria da 6.000mAh

I rumor che accompagnano il terminale parlano di un prezzo di etichetta molto interessante ed una data di commercializzazione non troppo lontana. Purtroppo non sappiamo quale sia il sensore ottico principale a bordo, potrebbe trattarsi di uno dei due blasonati Sony IMX (582 o 586). Se così fosse, il terminale che è atteso per la prima decade di Settembre ad un pezzo di circa 240€ (convertito dalle 18,999 Rupie Indiane), è davvero goloso.

Pensiamo ad un terminale di fascia media, ma senza troppi compromessi per la fotografia. Pensiamolo offerto ad un prezzo molto accessibile e la golosità sale alle stelle. Ciliegina? Ovviamente una batteria da primato (almeno per i Galaxy) ed un processore che ne ottimizza i consumi, garantendo un’autonomia ottima. Non appena avremo comunicazioni ufficiali ve le illustreremo, voi potete usare il box dei commenti per condividere con noi la vostra opinione.

Fonte

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …