lunedì , Novembre 30 2020

Samsung Galaxy Note 10 in cinque colori

Sapevamo che Samsung Galaxy Note 10 arriverà in almeno 4 versioni, accomunate in coppie per la diagonale del display, ma differenti per connettività. Pare che sul fronte cromatico, invece, ce ne sarà addirittura una in più, ovvero Samsung Galaxy Note 10 potrebbe arrivare in cinque colori differenti.

Per quanto riguarda i modelli, sapevamo che i numeri di modello avvistati in rete e relativi alle differenti versioni dovrebbero essere:

  • Galaxy Note 10 SM-N970 (display da 6,28 pollici)
  • Galaxy Note 10 SM-N971 (display da 6,28 pollici e connettività 5G)
  • Galaxy Note 10 Pro SM-N975 (display da 6,75 pollici)
  • Galaxy Note 10 Pro SM-N976 (display da 6,75 pollici e connettività 5G

Galaxy Note 10 con doppio foro per i sensori ottici frontali

Un’altra indiscrezione parla, infine, dei sensori ottici frontali. A quanto pare, la configurazione potrebbe essere simile o identica a quanto visto su Galaxy S10+. Per quanto possano piacere o meno, il discorso sta diventando comunque evidente. Non solo OnePlus 7 Pro, ma ci sono anche tanti terminali di gamma medio-alta ad avere una fotocamera pop-up. O al limite, perché non usare un notch a goccia centrato nel display?

Purtroppo ci stiamo muovendo su un piano più che scosceso, prendere questi rumor come veri a priori sarebbe come camminare su un muro di vetro con i piedi insaponati. A cadere e farsi male ci si mette molto poco, quindi aspettiamo e pazientiamo un po’. Sappiamo bene che il periodo ideale in cui è possibile avvistare un esemplare di Galaxy Note è l’estate, quindi prepariamoci a vederlo non prima di Luglio o Agosto. Siamo sicuri che fra qualche settimana emergeranno novità, ma prima fateci sapere che pensate usando il box dei commenti. Aspettate Galaxy Note 10 o siete tentati da altri terminali? Se sì, quali?

Fonte

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …