venerdì , Novembre 27 2020
galaxy note fotocamera 64mp
ISOCELL Bright GW1

Samsung Galaxy Note 10, no alla fotocamera da 64MP

Dopo la presentazione dei nuovi sensori ISOCELL e soprattutto della variante a ben 64MP chiamata ISOCELL Bright, alcuni rumor in rete indicavano Galaxy Note 10 come il primo smartphone a farne uso. Purtroppo questo potrebbe non accadere ed a dirlo è Ice Universe.

Per chi non lo conoscesse già, Ice Universe è un insider in Samsung e protegge la sua immagine dietro un gattino su Twitter. Come possiamo vedere nel primo tweet mandato in rete da Ice, Galaxy Note 10 avrà una fotocamera “normale”.

In lacrime arriva la risposta di Samsung, ma la tristezza del produttore viene confortata immediatamente dallo stesso insider. In un botta e risposta fra un insider e la sua stessa azienda, la pacca sulla spalla arriva al suon di frecciate.

“Non è necessariamente una cosa cattiva. Per esempio, un sensore da 48MP non è stato usato su Galaxy S10 eppure fa foto migliori di qualsiasi altro smartphone con sensore da 48MP”. Frecciata, quindi, ed acqua al proprio mulino. E’ vero, dopo un recente aggiornamento Samsung Galaxy S10 ha ricevuto una miglioria sostanziale sia alla precisione del sensore di impronte che alla fotocamera. Però il confronto con Huawei P30 Pro rimane ancora.

Rimangono, quindi, troppe domande a cui non si ha risposta. Samsung Galaxy Note 10 con una fotocamera “normale” potrebbe perdere di attrattività? Perché, avendone la disponibilità, Samsung ha deciso di non installare i sensori ISOCELL Bright sul suo prossimo phablet? O probabilmente la produzione dei nuovi sensori a 64MP andrà fuori tempo massimo per quella di Galaxy Note 10? Fateci sapere qual è il vostro sospetto più plausibile usando il box dei commenti che trovate qui sotto.

Fonte

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …