giovedì , Novembre 26 2020
samsung nuovo smartphone

Samsung, un nuovo smartphone rivoluzionario

Qui non sappiamo proprio niente, perché quando sei un insider e vuoi gettare il mondo degli appassionati nel panico fai come fa Ice Universe. Apri Twitter lanci nel mondo un tweet come quello che vedete qui sotto. Esclude Galaxy Note 10 che di “creativo” ormai non ha più niente essendo giunto al suo decimo esemplare. Esclude persino Galaxy Fold, il primo foldable coreano che se non è “creativo” lui, cos’altro allora. Quindi, Samsung a quale nuovo smartphone più “creativo” sta pensando?

Noi di credere ad Ice Universe crediamo, non è mica questo il problema. Il vero dramma è non sapere che cosa ci aspetta, di cosa sta parlando. Cerchiamo di mantenere la calma e sotto il mantra del “Niente panico, niente panico!” analizziamo un po’ la situazione.

Escludiamo il prossimo e più o meno imminente Galaxy Note, di cui conosciamo poche cose tra cui la batteria e la disposizione delle fotocamere. Eppure niente di tutto ciò fa gridare al miracolo creativo. Se nemmeno Galaxy Fold è lo smartphone più creativo che Samsung ha in mente di lanciare per il 2019 rimangono due possibilità, secondo noi.

La prima, è che forse potrebbe trattarsi di un indizio a proposito di Picasso. No, non il pittore e scultore spagnolo, ma Galaxy S11 che, come abbiamo visto qualche giorno fa, ha come nome in codice proprio Picasso. Cosa potrebbe mai avere di creativo? Ammesso e non concesso, comunque, che Ice Universe si riferisca a Galaxy S11. Altrimenti non ci resta che pensare che si tratti di qualcosa di completamente nuovo e che non abbia niente a che vedere coi Galaxy S o Note.

Il fitto mistero non verrà risolto prima che l’insider voglia svelare qualche dettaglio in più. Prima di quel momento, non possiamo far altro che aspettare anche se la curiosità è tanta.

Fonte

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …