lunedì , Novembre 23 2020
SwiftKey Beta Puppets

SwiftKey Beta Puppets: ecco le Emoji animate personali

La cosa più bella della tecnologia oggigiorno è che ci permette di rimanere in contatto sempre e (quasi) ovunque. Ma non solo, possiamo esprimerci, grazie alla multimedialità dei nostri terminali, in diversi modi. Con un video, una foto, un file audio o persino le nuove Emoji. Se non bastassero, ci sono anche quelle in realtà aumentata, per questo in SwiftKey Beta vengono proposti i nuovissimi Puppets.

Al momento sarà possibile usare soltanto 5 pupazzetti, ma alla fine il funzionamento sarà identico. In pratica, grazie a SwiftKey Beta potremo creare dei brevi video con i Puppets che parleranno con la nostra voce. In 30 secondi al massimo, registreranno la nostra voce e non solo. Tutti i movimenti facciali, le espressioni verrà fedelmente (o almeno abbastanza fedelmente) con un simpatico pupazzetto.

SwiftKey, sia normale che Beta, è disponibile gratuitamente sul Play Store e presto si arricchirà di questa nuova funzione Puppets. Se volete provarla in anteprima, non vi rimane altro che installare la versione beta di SwiftKey dal Play Store.

Per farlo, vi mettiamo a disposizione il badge qui sotto che vi ricondurrà al Play Store di Google. Semplice e carina, è una funzione divertente. Utile? Lo lasciamo giudicare a voi usando il box dei commenti qui sotto.

Microsoft SwiftKey Beta
Microsoft SwiftKey Beta
Developer: SwiftKey
Price: Free

Fonte

Aggiornamento

La funzione, anche se inclusa nella versione beta di SwiftKey non è ancora attiva. Potrebbe esserlo nelle prossime ore tramite un’attivazione lato server, ma non sappiamo né possiamo sapere quando di preciso verrà attivata. Fateci sapere, usando il box dei commenti, se per voi è già disponibile.

Si ringrazia Antonio F. per la segnalazione.

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …