giovedì , Settembre 24 2020

WhatsApp e Instagram, ecco il nuovo branding di Facebook

Facebook vive un momento di riaffermazione, da tempo ha infatti imposto il marchio “da Facebook” nelle due applicazioni. Ma per WhatsApp ed Instagram, invece, non finisce ad una semplice dicitura, arriva il nuovo branding di Facebook. Al momento, comunque, sembra sia limitato alle sole applicazioni. Non sappiamo se, questa novità, possa arrivare o meno sull’app di Facebook o sulla controparte web dello stesso social network.

Come possiamo vedere nelle immagini qui sotto, sia nella schermata di login che nelle impostazioni di WhatApp (almeno su iOS, ma probabilmente anche su Android a breve), compare il nuovo branding del social network.

Se la schermata di accesso cambia su WhatsApp, su Instagram invece il nuovo branding Facebook è un attimo più marcato. Come possiamo vedere, non cambia solo il branding, ma addirittura la scritta “Instagram” viene soppiantata dal logo.

Un minimo, proprio indispensabile, di restyling al brand, giusto per togliere la piattezza di quella scritta anonima “Facebook”. Una ventata di freschezza, quindi, almeno all’interno di WhatsApp e Instagram con un branding più evidente.

Una delle ragioni di Facebook dietro questa novità estetica, sta nel voler separare l’identità del social network dalle due applicazioni. Del resto, Instagram è un prodotto di Facebook, WhatsApp appartiene a Facebook dall’acquisizione avvenuta 5 anni fa. Noi poveri utenti di Android, aspettiamo di ricevere sia WhatsApp che Instagram con il nuovo branding di Facebook. Che ne pensate? Ha fatto bene Facebook a dare risalto al proprio brand e toglierlo da un aspetto di anonimato o preferivate per com’era prima? Fatecelo sapere usando il box dei commenti qui sotto, oppure visitando la nostra pagina Facebook.

Fonte

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …