lunedì , Ottobre 14 2019
Home / Notizie / WhatsApp scegliamo chi può aggiungerci ai gruppi e chi no

WhatsApp scegliamo chi può aggiungerci ai gruppi e chi no

Non molto tempo fa avevamo visto insieme che WhatsApp avrebbe permesso di lasciarci decidere chi poteva aggiungerci ai gruppi. Potevamo dare il permesso a tutti, a nessuno o solo ai nostri contatti. Pare che in qualche prossimo aggiornamento, potremmo rendere più selettiva la cosa. Ovvero potremmo scegliere, fra i nostri contatti, chi può o chi non può aggiungerci ad un gruppo.

whatsapp impostazioni privacy gruppi

In questo nostro precedente post, avevamo visto insieme che WhatsApp avrebbe apportato delle modifiche alla gestione delle privacy in merito ai gruppi. In cantiere, invece, c’è la possibilità di permettere solo ai nostri contatti di aggiungerci ai gruppi, escludendone alcuni da noi scelti.

Come possiamo vedere nell’immagine qui sopra, la nuova voce “I Miei Contatti Eccetto…” apparirà nelle impostazioni. Purtroppo, ancora nel client non è stata aggiunta nemmeno la possibilità di scegliere chi può aggiungerci ai gruppi. Non c’è nemmeno la possibilità di bloccare tutti, ma speriamo che questa possa arrivare.

Non sappiamo quando di preciso, ma nell’eventualità potremo finalmente scegliere noi se partecipare o meno ad un gruppo. Se dal momento in cui attiveremo l’impostazione, infatti, qualcuno proverà ad aggiungerci ad un gruppo, riceveremo una notifica. Altrimenti, se abbiamo bloccato un contatto dalla possibilità di inserirci in un gruppo, non riceveremo niente.


WhatsApp, con queste nuove possibilità per i gruppi e permessi per una gestione migliore della nostra qualità delle vita, fa qualche cosa di gradito. Ma il problema del quando arriveranno è una domanda che al momento non ha una risposta. Presto? Speriamo.

Fonte

Informazioni suNazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

OnePlus 7T Pro ufficiale, adesso ci siamo OnePlus

A Maggio, quando sono stati svelati OnePlus 7 Pro e poi OnePlus 7 già a …