mercoledì , Novembre 25 2020
mi 9t carbon black display 75hz

Xiaomi Mi 9T, overclock del display fino a 75Hz

Qualche settimana fa avevamo visto insieme che era possibile portare la frequenza di aggiornamento del display di Xiaomi Mi 9 fino ad 84Hz. In prima istanza, ci eravamo rivolti al terminale confondendolo con Mi 9T e ci scusiamo ancora una volta per l’errore. Comunque, per nostra fortuna, la gaffe è durata poco, in quanto anche Xiaomi Mi 9T (alias Redmi K20) e Redmi K20 Pro ricevono una modo per overclockare il display fino a 75Hz.

Sebbene non sia ancora disponibile al di fuori di Cina o India e non c’è dato scoprire quando arriverà, Xiaomi Mi 9T Pro potrebbe quindi arrivare con questo singolare upgrade da parte della comunità. Attenzione, lo ripetiamo anche in questa occasione: una mod del genere va installata solo se sapete cosa state facendo. Aumentare la frequenza di aggiornamento di un monitor non è un’operazione senza rischi.

Se, quindi, siete a conoscenza dei rischi e sapete anche che modifiche di questo genere invalideranno la garanzia al 100% oltre a spare cosa fare, trovate qui sotto i link alla discussione ufficiale su Xda Developers. Per avere anche sul vostro Mi 9T la possibilità di overclockare il display a 75Hz, ecco qui la guida su Xda, trovate anche quella per Redmi K20 Pro per completezza.

Xiaomi Mi 9T, l’overclock del display a 75Hz consuma più batteria (ovviamente)

Ovviamente questa modifica potrebbe impattare in modo significativo sulla vita della batteria. Chi l’ha usata in precedenza su Mi 9, spingendo il display ad 84Hz e cioè ben 24 volte in più rispetto ai 60Hz “naturali”, ha notato una riduzione di circa 1h in meno della durata della batteria.


Se comunque l’avete installata, fateci sapere che ne pensate usando il box dei commenti qui sotto. Noi, rischiando di essere ripetitivi, vi ribadiamo l’avviso di procedere solo se siete informati, sapete cosa fare e che queste sono modifiche pesanti. La differenza, anche se di soli 15Hz in più, si fa apprezzare, ma se non vi doveste più trovare bene con la durata della batteria?

Fonte

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …