lunedì , Luglio 26 2021
mi logo

Xiaomi Mi Mix 4 con sensore ottico ISOCELL a 108MP

Con un tweet sul suo profilo, Ice Universe si lascia scappare un’indiscrezione davvero gustosa. Se venisse confermata, Xiaomi sarebbe la prima ad implementare su Mi Mix 4 un sensore ISOCELL da ben 108MP. Il tweet, o almeno parte del tweet potete vederla integrato qui sotto.

La grande notizia comunicata dall’insider di Samsung non passerà inosservata e se sul finire del 2019 ne vedremo delle belle, il 2020 sarà pure migliore. Immaginate questo sensore con la tecnologia Tetracell, per fotografie al buio con una risoluzione di 27 pixel (108 diviso 4).

Pochi minuti dopo, Ice Universe ha aggiunto una risposta al suo tweet, indicando espressamente che sarà Mi Mix 4 il primo smartphone con fotocamera ISOCELL a 108MP.

Prima, ricordiamo, dovremmo poter vedere in azione un terminale sempre di Xiaomi con fotocamera a 64MP. Non molti giorni fa, la stessa Xiaomi aveva condiviso una foto scattata con il sensore ISOCELL Bright GW1. Sapere che non molto tempo dopo potrebbe arrivare addirittura un terminale con ben 108MP, forse potrebbe mettere in crisi un po’ l’utenza. Quale smartphone acquistare? Il primo con 64MP, o il prossimo con 108MP?

Indiscrezioni, rumor o qualsiasi cosa del genere hanno un’avvertenza di fondo che non dobbiamo trascurare affatto. Prendiamo queste informazioni per quelle che sono, senza affidare troppa fiducia. Aspettiamo comunicazioni un po’ più ufficiali, ma intanto notiamo che in alto a destra nella slide immortalata nella foto ci sono il logo Mi e quello Samsung.

Fonte

Aggiornamento: Xiaomi mostra il primo teaser del sensore a 108MP

Ecco il teaser ufficiale di Xiaomi a proposito del sensore da 108MP. Nell’immagine possiamo leggere la frecciatina “See you later” (ci vediamo dopo) e ben sei puntini di sospensione.

A far bene due conti, nelle foto scattate con un terminale del genere avrebbero al loro interno ben 108.576.768 pixel, per una definizione dell’immagine da primato.

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …