lunedì , Novembre 30 2020
mi mix 4 teaser

Xiaomi Mi Mix 4, si fa o non si fa?

Xiaomi potrebbe essere parecchio impegnata quest’anno, lanciando smartphone come se fossero bruscolini. Oltre a tutti quelli che abbiamo visto finora, pare che su uno in particolare ci sia del tentennamento. Ovviamente non avremo conferma prima di una decisione da parte del produttore cinese, ma Xiaomi potrebbe lanciare Mi Mix 4 entro la fine dell’anno.

Stando così le cose, emerge un post su Weibo di Edward Bishop, responsabile della promozione del brand, in cui qualche bottone si chiude, qualcuno invece si apre. Come potete infatti leggere nel post, non si sbilancia in favore del lancio, né del non lancio. Sicuramente, comunque, ci tiene a precisare che le voci di corridoio a proposito del fatto che non ci sarà un Mi Mix 4 vanno smentite.

Stando a quanto avevamo visto in precedenza, proprio a favore dell’esistenza di Mi MIX 4 c’era stato un tweet di Ice Universe. Il contesto, comunque, era collocabile al sensore ottico presentato da Samsung e Xiaomi, ovvero ISOCELL Bright HMX a 108MP.


Xiaomi Mi Mix 4 potrebbe arrivare anche lui con fotocamera a 108MP

Quanti terminali cinesi, quindi, faranno uso del nuovo sensore ottico? Mi MIX Alpha, che costerà un rene e mezzo polmone, è ufficialmente il primo di cui se ne ha notizia. Proprio oggi sono emerse alcune indiscrezioni circa un CC9 Pro ed ora i rumor tornano a parlare di ISOCELL Bright HMX, ma a proposito di Mi MIX 4.

Cerchiamo di salvare il salvabile, perché altrimenti da questi vortici non se ne esce facilmente. Bishop ha smentito le voci circa l’inesistenza di Mi MIX 4, ma allo stesso tempo non ne ha dato conferma. Non sembrano idee molto chiare su cui fondare una campagna promozionale del brand. Forse Bishop ha deliberatamente lascio un’ombra di dubbio così da fomentare un po’ di “hype”? Lo scopriremo nelle prossime settimane, ma nel frattempo cerchiamo di prendere tutto con molta cautela.

Fonte

Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …