domenica , Luglio 25 2021

Xiaomi Mi Watch arriverà con MIUI per Watch

Sarà molto interessante vedere in funzione il primo smartwatch di Xiaomi, giusto per questo il video di Mi Watch con MIUI è stato da poco divulgato in rete. A farcelo vedere, il nostro amico Mukul Sharma che lo ha condiviso da poco su Twitter. So già che 30 secondi sono davvero pochi, ma bastano per capire alcune delle funzioni.

Dal video abbiamo la conferma che la rotellina servirà per lo scroll delle varie pagine, ma questo non è stato difficile da intuire. Quello che non avremmo mai immaginato, era che sull’indossabile di Xiaomi fosse possibile riprodurre video. A quanto pare, su Mi Watch dovrebbe girare la classica personalizzazione di Xiaomi, ovvero MIUI. Non ne conosciamo i dettagli, ma come potete vedere nell’immagine qui sotto, è ufficiale e nel teaser viene specificatamente chiamata come MIUI per Watch.

Ancora, sempre a proposito di specifiche tecniche, ma molto genericamente, Xiaomi comunica che la batteria sarà uno dei punti di forza dell’indossabile. Su Mi Watch, come possiamo vedere dal secondo teaser condiviso stamane da Xiaomi in rete, la batteria sarà “gigantesca”.

Xiaomi Mi Watch, MIUI per Watch e tanta batteria

Purtroppo prima del 5 Novembre non avremo conferme ufficiale. Quel giorno, infatti, avverrà la presentazione sia di Mi Watch ma anche di CC9 Pro. Torneremo a parlare di CC9 Pro, ma di Mi Watch iniziamo a notare i primi connotati, alcuni molto belli altri invece lasciano l’amaro in bocca.

Quello più difficile da mandare giù, ovviamente, è il design che ricorda proprio un altro indossabile. Il nome, Mi Watch, non per altro, non aiuta per niente a differenziarlo. Il passo da iWatch a Mi Watch, fra somiglianze estetiche e nel nome, è veramente breve.

Ma se costasse molto meno di quell’orologio intelligente, che ben venga. Staremo a vedere durante la presentazione, momento in cui conosceremo il prezzo cinese per poi fare una stima di quello europeo o italiano. Comunque, bravina Xiaomi, avresti potuto osare un po’ più nel design ma va bene così.

Fonte


Informazioni su Nazareno Pisani

Appassionato di tecnologia, informatica ed anche videogiochi. Durante gli studi universitari mi sono imbattuto in OpenSUSE, la mia prima distribuzione GNU/Linux. Usata per parecchi anni, mi sono trasferito su Ubuntu, Debian e alla fine Linux Mint. Ma da quando ho saputo che Google avrebbe rilasciato il suo OS per smartphone basato sul kernel Linux, è stato amore a prima vista!

Potrebbe interessarti

poco logo

POCO F2 Pro teardown analitico da JRE

Quando si parla di un terminale economico, si pensa spesso ad uno smartphone che ci …